Fauna Politica Primo Piano

WWF Italia,no alla modifica con decreto della legge su attività venatoria

alcuni assessori regionali alla caccia hanno convocato una conferenza stampa a margine della Conferenza delle Regioni sul tema del “controllo faunistico” per chiedere al Governo l’approvazione di un Decreto che modifica la legge sulla tutela della fauna selvatica (L. 157/1992) estendendo i periodi di caccia e azzerando le garanzie di tutela.

“Si tratta – affermano le associazioni ENPA LAC LAV Legambiente LIPU e WWF Italia – di un attacco senza precedenti alla norma che fissa i principi costituzionali di tutela della biodiversità che in contrasto con quanto dice la scienza e la logica, consegnerebbe il controllo della fauna selvatica, che è patrimonio indisponibile dello Stato, a privati cittadini, in palese conflitto di interesse. E’ assurdo come ancora una volta parte della politica dimostri di essere a totale servizio dei cacciatori e piuttosto che riconoscere il fallimento della governance di questo settore, continui ad alimentare un sistema a cui sono imputabili la gran parte delle responsabilità per i danni subiti dalla collettività, inclusi gli agricoltori. Sono le Regioni, infatti, tra le principali responsabili di aver promosso e favorito concessioni continue a favore dei cacciatori, origine e causa principale, tra l’altro, dell’aumento dei cinghiali in Italia, scavalcando volutamente la Legge nazionale 157 del 1992 sulla tutela della fauna. Altrettanto responsabili sono alcuni parlamentari che fanno da sponda a queste politiche egoistiche e dannose per soli interessi elettorali e di potere. Il Governo non si faccia strumentalizzare e garantisca il rispetto della Costituzione e dei principi UE”.

Da anni il tema dei danni alle produzioni agricole imputati ai cinghiali viene strumentalizzato per introdurre surrettizie forme di caccia anche all’interno di parchi naturali ed oasi di protezione faunistica.

La norma stravolgerebbe la Legge 157 del 1992, sarebbe cancellato ogni parere scientifico e ogni obbligo di applicazione dei metodi ecologici dando vita ad una caccia senza limiti, anche nei confronti di specie super-protette a livello europeo come orsi e lupi. Quello a cui mirano le Regioni è la sottrazione agli Enti parco della autonoma facoltà di organizzare ed autorizzare, sulla base di propri regolamenti previsti dalla Legge 394/91, il “controllo” degli ungulati e della fauna all’interno delle aree protette.

Le stesse Regioni che hanno acconsentito alle richieste dei cacciatori fino ai primi anni duemila, immettendo cinghiali di ceppo centro-europeo per avere una preda più prolifica e grossa da cacciare e rivendere e che da decenni affidano ai cacciatori la risoluzione del problema, oggi cercano di attribuire a qualche ministero i risultati fallimentari dell’inefficienza dei propri assessorati. Questi non si sono mai adoperati per una gestione faunistica basata sulla scienza, limitandosi a favorire il giro enorme di interessi che gravita intorno alla caccia al cinghiale in braccata, che causa danni enormi e favorisce la diffusione e la proliferazione del cinghiale.

Invece di invocare finte soluzioni rappresentata dalle doppiette, queste amministrazioni dovrebbero chiedere di ripristinare i corpi di polizia provinciale competenti per legge ad effettuare le attività di controllo e che sono stati azzerati da riforme del passato.[Fonte:WWF Italia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.