AmbienteParchiPrimo Piano

Polllino, l’antica “via degli stazzi”

Con delibera dell’Ente Parco Nazionale del Pollino n. 13 del 26 febbraio 2024, è stata stipulata un protocollo di intesa e, pertanto, del costituendo partenariato tra Parco del Pollino e l’EPMR (Ente Parchi Marini Regionali Calabria) con sede a Catanzaro per valorizzare la “Via degli Stazzi” quale percorso che, nel corso dei secoli, ha visto la migrazione dei pastori e delle greggi ed è stata artefice di scambi culturali, economici e religiosi, a tutt’oggi in essere.

Il percorso della “Via degli Stazzi” – si legge nel protocollo di intesa – attraversa, partendo da Amendolara Marina, i comuni di Castroregio, Alessandria del Carretto, Terranova del Pollino, con arrivo a San Severino Lucano, per un totale di 82 km circa. Il termine italiano “stazzo” indica il recinto all’aperto del gregge. Il vocabolo deriva dalla parola latina statio che significa fermata, sosta. Un sinonimo di stazzo è addiaccio o “agghiaccio”, ovvero il recinto all’aperto dove il gregge è raccolto per la notte.

L’Ente per i Parchi Marini Regionali è un ente strumentale della Regione Calabria, con sede legale presso la Cittadella Regionale, istituito con il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 195 del 28.12.2016, ai sensi della Legge regionale 16 maggio 2013, n. 24. L’Ente nasce dall’accorpamento dei preesistenti cinque parchi marini regionali (Parco Marino Regionale “Riviera dei Cedri”, Parco Marino Regionale “Baia di Soverato”, Parco Marino Regionale “Costa dei Gelsomini”, Parco Marino Regionale “Scogli di Isca” e Parco Marino Regionale “Fondali di Capocozzo – S. Irene Vibo Marina – Pizzo – Capo Vaticano – Tropea”).Inoltre, a tale accorpamento, si è aggiunto il Parco Marino Regionale “Secca di Amendolara”, istituito con L.R. n° 46 del 16/12/2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *