Ambiente Parchi Primo Piano

Parco Gaiola, seconda edizione “caccia alla plastica”

In data 27 giugno 2022, presso il Centro studi dell’istituto penale di Nisida si è tenuta la presentazione della seconda edizione di Caccia alla Plastica prevista per Domenica 3 Luglio. Un’iniziativa organizzata da N’Sea Yet in collaborazione con la UISP NAPOLI, di intesa con l’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola, e con la partecipazione delle associazioni Let’s do it Italy, Cleanap, Round Table, CSI Gaiola Onlus FAI e i Ragazzi dell’Istituto Penale Minorile di Nisida.

Una Gara di nuoto per professionisti, a cui sono associate squadre di raccoglitori di plastica a terra e a mare che con il loro “carico di rifiuti” sottratti all’ambiente potranno migliorare il tempo di gara del proprio corridore. Nella gare ecologica saranno coinvolti anche i ragazzi dell’istituto minorile.

Alla presentazione dell’evento sono intervenuti il Direttore del Parco Sommerso di Gaiola, Maurizio Simeone e la Presidente del CSI Gaiola Onlus, Paola Masucci.

Il Direttore ha sottolineato l’importanza di iniziative del genere che coniugano sport, rispetto dell’ambiente e finalità sociali nel coinvolgimento dei ragazzi di Nisida. Il Parco è quindi felice di ospitare questa grande festa per il Mare che si svolgerà Domenica 3 Luglio e che vedrà l’arrivo proprio nel canale delle Isole della Gaiola davanti il Centro Ricerca e Divulgazione. Un traguardo dal forte valore simbolico in uno specchio di mare che prima dell’istituzione del Parco era preda di diportismo selvaggio e degrado, dove mai si sarebbero potute immaginare manifestazioni del genere. Ma la manifestazione ha anche un altro importante valore simbolico in quanto si svolge interamente all’interno della Zona Speciale di Conservazione Gaiola-Nisida tutelata dalla Direttiva Habitat. Un’area dall’immenso valore Biologico, Paesaggistico e culturale che però è minacciata paradossalmente dallo stesso Piano di Risanamento Ambientale e Rigenerazione Urbana di Bagnoli, che prevedrebbe l’apertura di nuovi scarichi fognari di bypass proprio nella ZSC.

La Dott.ssa Masucci ha sottolineato l’impegno costante del CSI Gaiola onlus nella lotta alla plastica ed ai vuoti a perdere sottolineando l’enorme problematica che vive il mare in quanto recettore ultimo di tutti i rifiuti dispersi sia direttamente a mere che a terra. Negli ultimi anni la nuova strategia zero waste del Parco Sommerso di Gaiola ha portato ad azzerare la produzione di rifiuti sulla spiaggia pubblica interna all’Area Marina Protetta. Un traguardo importante considerando che fino a qualche anni fa si producevano circa 3 tonnellate di rifiuti al mese. Un risultato raggiunto con impegno e determinazione ma anche con il contributo e collaborazione dei tanti cittadini che ogni giorno fruiscono del mare del parco rispettando l’ambiente.[ Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.