Ambiente Politica Primo Piano Unesco

Lisbona, conferenza ” salva i nostri oceani, proteggi il nostro futuro”

La Conferenza oceanica, ospitata congiuntamente dai governi del Kenya e del Portogallo, arriva in un momento critico poiché il mondo sta cercando di affrontare molti dei problemi radicati delle nostre società messi a nudo dalla pandemia di COVID-19 e che richiederanno importanti trasformazioni strutturali e soluzioni comuni condivise che sono ancorate agli SDG. Per mobilitare l’azione, la conferenza cercherà di promuovere soluzioni innovative basate sulla scienza tanto necessarie per avviare un nuovo capitolo dell’azione oceanica globale.

L’oceano copre il 70% della superficie terrestre, è la più grande biosfera del pianeta e ospita fino all’80% di tutta la vita nel mondo. Genera il 50 percento dell’ossigeno di cui abbiamo bisogno, assorbe il 25 percento di tutte le emissioni di anidride carbonica e cattura il 90 percento del calore aggiuntivo generato da tali emissioni. Non è solo “il polmone del pianeta”, ma anche il suo più grande pozzo di assorbimento di carbonio, un cuscinetto vitale contro l’impatto del cambiamento climatico.

Nutre una biodiversità inimmaginabile e produce cibo, posti di lavoro, risorse minerali ed energetiche necessarie alla vita sul pianeta per sopravvivere e prosperare. C’è ancora molto che non sappiamo sull’oceano, ma ci sono molte ragioni per cui dobbiamo gestirlo in modo sostenibile, come stabilito negli obiettivi dell’obiettivo di sviluppo sostenibile 14: vita sott’acqua.

La scienza è chiara: l’oceano sta affrontando minacce senza precedenti a causa delle attività umane. La sua salute e la sua capacità di sostenere la vita peggioreranno solo man mano che la popolazione mondiale crescerà e le attività umane aumenteranno. Se vogliamo affrontare alcune delle questioni più importanti del nostro tempo come il cambiamento climatico, l’insicurezza alimentare, le malattie e le pandemie, la diminuzione della biodiversità, la disuguaglianza economica e persino i conflitti e le lotte, dobbiamo agire ora per proteggere lo stato del nostro oceano.

Leggi i contenuti della Conferenza di Lisbona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.