Ambiente Primo Piano

Lipu: ritardi nella protezione delle specie e degli habitat

La Lipu-BirdLife Italia, che da molti anni lavora per arrivare a un’effettiva tutela legale delle aree marine più importanti per gli uccelli (le Iba – Important bird areas) attraverso la loro designazione come Zone di protezione speciale (Zps).

L’associazione ambientalista ricorda che «Negli scorsi anni la Lipu ha condotto studi per la tutela degli uccelli marini, in particolare in collaborazione con l’Ispra, con uno studio di telemetria sulla berta maggiore (Calonectris diomedea), una tra le specie di uccelli marini di maggiore interesse conservazionistico, individuando così le quattro aree più importanti per la popolazione italiana di questa specie e ottenendone l’inclusione nell’elenco ufficiale di BirdLife International.

Questo percorso, che riguarda le Iba dell’”Arcipelago toscano”, delle “Isole Pelagie” (Sicilia), il “Medio Adriatico” (Marche, Abruzzo, Molise, Puglia) e la “Sardegna settentrionale”, non è però arrivato a compimento: solo per le isole Pelagie il passaggio da “Iba” a “Zps” può essere giudicato soddisfacente, mentre per le altre tre Iba le Regioni o non hanno preso decisioni oppure lo hanno fatto in modo parziale, negando così una protezione effettiva per la berta maggiore».

Giorgia Gaibani, responsabile Natura 2000 della Lipu, conclude: «Accogliamo con ovvia soddisfazione l’apertura della procedura d’infrazione in recepimento della nostra denuncia perché nonostante l’apertura dell’Eu Pilot del 2016 e le richieste pressanti che abbiamo rivolto al Governo italiano negli anni seguenti, fino ad oggi ben pochi passi sono stati fatti per completare la rete delle Zps in ambiente marino.

Nel designare le Zps sarà importante prendere in considerazione, oltre alla berta maggiore, anche tutte le specie marine incluse nell’Allegato I della Direttiva Uccelli, così come molte specie e habitat marini tutelati dalla direttiva Habitat. E’ essenziale che si giunga in tempi rapidi alla protezione legale dei siti più importanti per la biodiversità e per gli uccelli marini nel nostro Paese, anche attraverso il Pnrr. Ne va del futuro della bellissima e preziosa natura ancora presente dei nostri mari».[Fonte: Lipu]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *