AmbienteNaturaPrimo PianoUnesco

Il cambiamento climatico sta ridefinendo il rapporto città- montagne

“Dopo l’anno più caldo della storia, il cambiamento climatico sta ridefinendo il rapporto tra città e montagne. Come possono le montagne e le loro comunità diventare più attrattive e motori di sviluppo sostenibile nel nuovo Antropocene?

I temi cinque delle assemblee della Riserva di Biosfera dell’Appennino Tosco-Emiliano, in programma dal 19 febbraio 2024 nelle province di Reggio Emilia, Parma, Modena, Massa Carrara e La Spezia, sono molto ambiziosi. Lo scorso anno, queste assemblee hanno coinvolto oltre 500 persone, tra cittadini, istituzioni e imprese, rappresentando un esempio di coinvolgimento diffuso di persone e comunità diverse. La rete mondiale MAB è in forte crescita nel mondo e conta ormai oltre 700 Riserve di Biosfera, di cui 20 in Italia. MAB Appennino vuole essere testimonianza e attore al servizio di questa missione mondiale Unesco per il nostro territorio.

“Il programma Unesco, Uomo Biosfera interpreta una missione oggi assolutamente ineludibile”, commenta Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera dell’Appennino Tosco-Emiliano. “Connettere uomini e biosfera, persone e istituzioni, capitale umano e capitale naturale, e popoli di diverse culture e religioni, è necessario come non mai. Con queste assemblee, la nostra Riserva di Biosfera, dalla via Emilia al Mar Tirreno, dove vivono 380.000 persone tra boschi, campagne, paesi e città, intende essere attore al servizio di questa missione mondiale Unesco”.

Nel reggiano si inizia con l’assemblea del 19 febbraio al Castello del Bianello, Corte degli Ulivi (Quattro Castella), dalle 14:30 alle 18:30. Il tema in discussione è il rapporto città-montagna, con la partecipazione di assessori regionali e sindaci del territorio.

Nel modenese, si discuterà del valore del capitale umano nella MAB Unesco il 21 febbraio, dalle 14:30 alle 18:30, a Palazzo Ducale (Pavullo nel Frignano, MO), con la partecipazione di Patrizio Bianchi, titolare di cattedra Unesco a Ferrara.
A Lucca, il 23 febbraio 2024, dalle 9:30 alle 13:00, presso il Ristorante Il Pozzo Pieve Fosciana, si parlerà, tra l’altro, delle Comunità Energetiche dopo il recente decreto che dà il via a un nuovo protagonismo dei cittadini su un tema cruciale del turismo e della sostenibilità, valori fondanti della Riserva di Biosfera.

Nel parmense, il 26 febbraio dalle 14:30 alle 18:30, presso l’ITS Gadda Fornovo di Taro (PR), si discuterà dei temi della sostenibilità.
In Lunigiana, il 28 febbraio, dalle 14:30 alle 18:30, a Pontremoli presso il Teatro della Rosa, i temi centrali saranno i nuovi turismi esperienziali come valori di sostenibilità fondanti della Riserva di Biosfera.

Completano le assemblee della MAB Unesco due importanti eventi collaterali in presenza: il 20 febbraio l’ASVIS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), con la Riserva di Biosfera Appennino Tosco-Emiliano, presenterà i papers sui servizi ecosistemici. L’appuntamento è presso la Provincia di Parma (Viale Martiri della Libertà 15) alle ore 10:30, con possibilità di collegamento online. Quindi, il 25 marzo 2024, si terrà la Giornata CETS (Carta Europea per il Turismo Sostenibile) presso l’IS. Pacinotti – Belmesseri Bagnone (Massa Carrara), dalle 9:30 alle 15:30.”

Gabriele Arlotti
Ufficio stampa Parco nazionale Appennino e Riserva di Biosfera #Mab Unesco dell’Appennino tosco-emiliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *