FloraPrimo Piano

Foreste Casentinesi, nuova specie di orchidea nel parco

La flora del Parco si arricchisce di una nuova specie: si tratta di Himantoglossum robertianum (Loisel.) P. Delforge (Barlia, Imantoglosso di Robert) appartenente alla famiglia delle Orchidaceae. Diffusa in buona parte dell’Italia dove è molto rara al nord, rara in Emilia-Romagna e più frequente in Liguria, Toscana, Puglia, Sicilia e Sardegna. Negli ultimi anni a livello nazionale si sono susseguite diverse segnalazioni relative a micropopolazioni o ad individui singoli probabilmente “pionieri”. In Romagna appare in espansione.

I vistosi colori e la fioritura molto precoce hanno catturato l’attenzione dell’escursionista Consuelo Onofri, durante una passeggiata lungo i sentieri del Parco, a monte dell’invaso di Ridracoli. Il curioso ritrovamento è stato fotografato e pubblicato sui social, dove ha prontamente suscitato grande sorpresa tra gli appassionati. La scoperta all’interno dei confini dell’area protetta, oltre ad andare ad arricchire il patrimonio orchidologico del Parco (che sale a 51 specie), è di grande interesse fitogeografico e merita ulteriori indagini.

La presenza di H. robertianum non era mai stata documentata precedentemente nel territorio del Parco, sebbene sia presente in aree non troppo lontane dai confini dell’area protetta. Il ben documentato trend espansivo verso le aree settentrionali della penisola aveva già suggerito di inserirla nell’Atlante delle Orchidee del Parco tra le specie potenzialmente di prossimo arrivo. Il presente ritrovamento conferma la sua espansione e sprona ad approfondire ulteriormente la ricerca in campo. D’altronde la citizen science, la scienza dei cittadini, si nutre della curiosità di chi sa osservare la natura e regala questi piccoli ma preziosi ritrovamenti che aggiungono pian piano ulteriori tasselli ad una conoscenza più completa del territorio.

Il Parco desidera ringraziare Consuelo Onofri e Sergio Montanari per la prima segnalazione e Giovanni Betti, Gloria Moretti e Francesco Savini per la verifica in campo.[Fonte:P.N.FORESTE CASENTINESI]

Testo: P. Laghi & A. Pica – Foto: P. Laghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *