Fauna Parchi Primo Piano

Foreste Casentinesi, il Progetto LifeStreams sulla trota mediterranea

Stanno avvenendo in questi giorni le prime schiuse delle circa 3.500 uova fecondate presso l’incubatoio di Premilcuore (FC) nell’ambito del progetto Life STREAMS, in attesa di essere immesse nei torrenti dell’area protetta

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, grazie al progetto europeo LIFE Streams, sta dando continuità alle attività realizzate negli anni precedenti dal progetto TROTA che permetteranno anche nel corso del 2022 di ripopolare con efficacia i suoi torrenti con nuovi esemplari di trote mediterranee, una specie quasi scomparsa dai suoi habitat naturali per la presenza diffusa di specie aliene e ibride, e la cui presenza offre all’ecosistema un equilibrio fondamentale.

L’azione si è svolta presso l’incubatoio di Premilcuore (FC), dove un’equipe di tecnici del Parco Nazionale, insieme al personale incaricato dal progetto e alle associazioni dei pescatori coinvolte, hanno selezionato e avviato la riproduzione di 14 individui di trote native, producendo circa 3.500 uova.

Il progetto Life sta raccogliendo i frutti del precedente progetto tramite il quale il Parco, a partire dal 2015, in collaborazione con il dott. Andrea De Paoli, il Museo di Ecologia di Meldola, la FIPSAS sezione di Forlì, l’AICS pesca sezione di Forlì e il comune di Premilcuore, ha iniziato a svolgere alcune ricerche mirate all’individuazione di popolazioni indigene di trota fario “mediterranea”, in vista del loro recupero ed utilizzo.

Grazie a tali ricerche, è stata accertata l’esistenza di una popolazione relittuale sulla parte alta di uno dei corsi d’acqua dell’area protetta, identificata sulla base di riscontri genetici; ivi sono stati prelevati nel dicembre 2016 i 22 individui fondatori del parco riproduttori dell’Incubatoio di Premilcuore, allevamento che a partire dal 2017 ha fornito gli esemplari di trotelle fario mediterranee utilizzate per il ripopolamento dei torrenti all’interno del Parco.

A partire dalla tarda primavera, queste immissioni riporteranno quindi esemplari puri di trota mediterranea nei torrenti del Parco Nazionale.

Il progetto LIFE Streams mira al recupero e alla conservazione delle popolazioni di trota nativa mediterranea (Salmo cettii), salmonide endemico dell’area mediterranea protetto dalla direttiva Habitat. Il progetto è cofinanziato dalla Commissione Europea tramite il Programma LIFE e vede tra i partner il Parco Nazionale della Majella (capofila), l’Agenzia Forestale Regionale per lo sviluppo del territorio e dell’ambiente in Sardegna – FoReSTAS, ISPRA, Legambiente Onlus, Noesis snc, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, l’Ente Parco di Montemarcello Magra Vara, il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, il Parco Nazionale del Pollino, l’Università degli Studi di Perugia.[Fonte:P.N. Foreste Casentinesi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.