fauna Parchi Primo Piano

Conservazione di anfibi e farfalle di aree umide e loro habitat nel P.N.Foreste Casentinesi

Progetto LIFE WetFlyAmphibia: “Conservazione di anfibi e farfalle di aree umide e loro habitat nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi”.

Il progetto LIFE WetFlyAmphibia è finalizzato al miglioramento dello stato di conservazione delle popolazioni di anfibi e farfalle presenti negli habitat di aree aperte umide nell’ambito di una delle zone forestali più pregiate d’Europa, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna (Emilia-Romagna e Toscana).

A tal fine implementa una serie di azioni necessarie per arrestare le minacce alle popolazioni delle specie target di progetto: Ululone appenninico, Salamandrina di Savi, Tritone crestato italiano, Falena dell’edera e Bombice del prugnolo.

Le azioni concrete di conservazioni consistono principalmente, oltre che nel rafforzamento delle popolazioni, nel ripristino di ambienti umidi che si sono nel tempo fortemente ridotti causando indirettamente la riduzione delle specie collegate.

La ricostituzione di tali ambienti non prevede soltanto la realizzazione fisica di aree umide, ma anche il ripristino vegetazionale tali aree per tornare a ospitare alcuni habitat che attualmente sono in fase di riduzione, in particolare l’habitat 6430: “Bordure planiziali, montane e alpine di megaforbie idrofile”.

LIFE WetFlyAmphibia, cofinanziato dal Programma per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE) 2014-2020, è iniziato il 1/09/2015 e terminerà il 31/12/2021. Il partenariato del progetto è costituito, oltre che dall’Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna (coordinatore), dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Pratovecchio, dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino, dalle Università di Bologna e Pavia e dalla società D.R.E.Am Italia.[Fonte Ministero dell’Ambiente- foto wikipedia]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *