AmbienteParchiPrimo Piano

Cinque Terre, al via il corso manutentori muretti a secco

Diciotto i partecipanti al corso – organizzato con il supporto di Isforcoop La Spezia, che prevede 32 ore di frequenza suddivise tra parte teorica e pratica, ma già in primavera partirà un altro corso accogliendo così tutte le domande arrivate al Parco (per un totale di 29 richieste).

Quindici uomini e due donne di età compresa tra i trenta e i sessant’anni – sono i partecipanti al corso – prevalentemente liguri con residenza in provincia della Spezia, tutti possiedono un diploma superiore, tre una laurea. Grazie alla collaborazione con la Caritas sono stati inseriti anche tre partecipanti con percorsi di migrazione alle spalle provenienti dall’Africa subsahariana.

Durante la prima lezione, dopo i saluti del Direttore del Parco delle Cinque Terre Patrizio Scarpellini e del Presidente di Fondazione Manarola Fabrizio Capellini, sono stati approfonditi una serie di argomenti tecnici a cura del personale del Parco (Emanuele Raso: dinamiche dei versanti e caratteristiche della rete escursionistica; Lorena Pasini: approfondimenti normativi e tecnici sull’attività dei manutentori; Matteo Perrone: gestione del patrimonio boschivo e forestale).

Le prossime lezioni di teoria si svolgeranno entro l’anno e vedranno la partecipazione, fra gli altri, di docenti universitari ed esperti, mentre la parte pratica si svolgerà durante i primi mesi del 2024.

«Grazie a questo nuovo corso per manutentori – dichiara la Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre Donatella Bianchi – abbiamo l’occasione di elevare il valore delle attività formative alla funzione di inclusione socio lavorativa, assicurando la trasmissione di saperi legati alla rete sentieristica storica del Parco. Nell’azione di formazione del progetto Stonewallsforlife trovano pieno compimento sia lo sviluppo di competenze nel settore green, essenziali nelle attività di manutenzione del territorio per la prevenzione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, sia percorsi di crescita personale e professionale, cogliendo a pieno quel senso di costruzione collettiva che è il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre».

«Siamo molto soddisfatti dell’ottima partecipazione al corso per manutentori – dichiara Patrizio Scarpellini, Direttore del Parco Nazionale delle Cinque Terre – un segnale positivo che dimostra un interesse crescente per questa professionalità ma anche per il nostro territorio e la sua salvaguardia. Il corso darà anche la possibilità di entrare nell’albo dei manutentori del Parco e di ottenere, a seguito di un ulteriore impegno professionale e formativo, la qualifica di “Operatori alla difesa e manutenzione del territorio e delle risorse ambientali”, figura professionale riconosciuta dalla Regione Liguria e un’opportunità lavorativa».

Particolarmente importante è il ruolo di Caritas La Spezia che ha aderito al progetto facendo partecipare alcuni richiedenti asilo ospiti della Cittadella della Pace con l’obiettivo di formarli e creare un’integrazione sul territorio.

«Integrare significa fare comunità e costruire passo dopo passo un mondo nuovo dove a nessuno venga messo un bollino in base alla provenienza, ma dove tutti possiamo sentirci fratelli con la stessa dignità», conclude Don Luca Palei, Direttore Caritas diocesana La Spezia-Sarzana-Brugnato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *