FaunaPrimo Piano

Cilento, la salvaguardia del lupo nel parco

Gode di buona salute il Lupo liberato lo scorso mese di febbraio nell’area del Parco. Ricordiamo che il giovane esemplare di Lupo, vittima di una trappola utilizzata dai bracconieri, a dicembre 2023 era stato recuperato dai Carabinieri Forestali Parco della Stazione di Sessa Cilento nel territorio del Parco nell’area del Monte Stella, in condizioni critiche e dopo il soccorso dei veterinari dell’ASL di Vallo della Lucania, era stato affidato alle cure del personale del Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Napoli.

Le terribili condizioni del lupo intrappolato nel laccio al momento del suo ritrovamento. Qui, dopo alcune settimane di prognosi riservata, per merito delle cure del personale del CRAS di Napoli, l’animale si è ripreso completamente ed è stato quindi organizzato il suo ritorno in libertà!

Grazie alla collaborazione con i tecnici del Parco Nazionale della Majella, al lupo è statoapplicato un radiocollare per seguirne gli spostamenti da remoto e studiarne il comportamento spaziale dopo il rilascio. L’emozionante momento del ritorno in libertà del lupo

il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni ha ritenuto opportuno affiancare alla raccolta dei dati satellitari il monitoraggio tramite l’uso delle fototrappole. Se, infatti, il radiocollare è uno strumento utilissimo per seguire gli spostamenti di un animale, non permette, però, di ottenere altre informazioni come quelle relative al suo stato di salute e alla presenza di altri animali non dotati di collare. Il monitoraggio tramite fototrappole è stato affidato alla società Kayla Nature, che ha già svolto per il Parco il monitoraggio della popolazione di lupi in tutto il territorio dell’area protetta.

Subito dopo il rilascio del lupo in natura la squadra di zoologi della Kayla Nature ha allestito alcune stazioni di fototrappolaggio in prossimità di siti potenzialmente utilizzabili dal lupo durante i suoi spostamenti. Si è cercato di anticipare le mosse dell’animale, obiettivo particolarmente difficile, data l’enorme estensione del Parco.

Dopo alcune settimane di ricerche infruttuose, durante le quali il lupo ha girovagato in diverse zone del Parco, i suoi spostamenti sono però diminuiti radicalmente, lasciando ipotizzare che avesse trovato un’area idonea alle sue esigenze. Questo ha, quindi, permesso di concentrare gli sforzi di ricerca in un’area più limitata, aumentando le chance di “cattura” con le fototrappole.

E infatti, i ricercatori della Kayla Nature, durante l’attività di controllo periodico, hanno scoperto con grande gioia che una delle fototrappole aveva registrato delle immagini incontrovertibili del lupo, in cui era chiaramente visibile il radiocollare applicato al momento del rilascio, escludendo così che potesse trattarsi di un altro esemplare. Le immagini testimoniano che l’animale appare in buona salute e, soprattutto, è in compagnia di un altro lupo, probabilmente femmina, che rafforza l’ipotesi secondo la quale il lupo abbia scelto un nuovo territorio che potrà, con un po’ di fortuna, vederlo crescere e riprodursi.[Fonte:P.N. Cilento Vallo di Diano]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *