Fauna Primo Piano

A Castelgrande (PZ) liberate decine di farfalle “Vanessa Io”

La Butterfly House di Castelgrande

Al Parco dei Colori di Castelgrande (PZ) liberate decine di “Vanessa Io” (Aglais io Linnaeus, 1758), una specie comune, ma spesso minacciata per la riduzione degli ambienti e delle specie botaniche con cui vive in rapporto simbiotico. Infatti, questa farfalla sverna in letargo prima di deporre gruppi di oltre 500 uova alla volta, ad inizio primavera.

I bruchi nascono dopo circa una settimana e si nutrono di ortiche e luppolo. Trascorrono gran parte del loro sviluppo in comunità numerose; diventano solitari solo nell’ultima fase di accrescimento, prima dell’incrisalidamento. Lo sfarfallamento avviene tra giugno e luglio.

Gli esemplari adulti succhiano il nettare da una vasta varietà di piante fiorite quali buddleja, salici, tarassaco, maggiorana selvatica, sambuco, canapa acquatica e trifoglio; non disdegna la linfa degli alberi e la frutta marcia.

La “Butterfly House” è situata sui monti dell’Appennino Lucano ed è diventata un punto di riferimento per chi studia e osserva le farfalle nel loro habitat. E’ dedicata al botanico “Guglielmo Gasparrini”, vissuto nell’Ottocento, direttore dell’Orto Botanico di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *