ITALIA NOSTRA, NO ALLA SVENDITA DEL PATRIMONIO NATURALISTICO DELLA SILA

24 agosto 2009 Parchi

sila-piccola-neveLa vigilanza da parte dei cittadini è sempre più indispensabile per  salvaguardare il comune patrimonio naturale e culturale, il paesaggio  oltre che la salute nostra e delle future generazioni. Quello che avviene nei due versanti, calabro e lucano, del Parco del Pollino, con la deforestazione “programmata” finanche nella zona 1 a tutela integrale,  succede sempre più frequentemente anche nel parco nazionale della Sila, come si evince dalle denunce sottoscritte in questi ultimi anni da numerose associazioni ambientaliste. L’approvazione da parte dell’Amministrazione Comunale di Cotronei del progetto per la realizzazione di una centrale a biomasse da 10 Mw nel suo territorio  lascia davvero perplessi.Ben altre sono, a nostro avviso,  le prospettive di sviluppo turistico-culturale che possono essere incrementate in un territorio, quello di Cotronei, che  si estende in un’area particolarmente suggestiva dell’altopiano silano, comprendente il bellissimo Lago Ampollino, una  perla incastonata tra i monti, ed alcuni villaggi turistici piuttosto rinomati.  La località dove si prevede che sorga la centrale a biomasse, denominata “Piana Di Mezzo”, è notoriamte  ricca di uliveti, di insediamenti  preistorici e medioevali, di sorgenti d’acqua che alimentano il fiume Tacina, uno dei più importanti  corsi d’acqua della provincia.  Non si devono svendere i gioielli di famiglia!
Inoltre, a  pochi chilometri di distanza, sorgono  ben tre centrali a biomasse nel territorio di Crotone. Se a questo si aggiunge l’alta percentuale dei malati di tumore tra gli abitanti del comprensorio di Crotone, la situazione non è davvero rosea……Senza contare che gli inevitabili disboscamenti sono causa di  frane, smottamenti,  alluvioni così frequenti nel nostro territorio, com’è accaduto in varie parti della Calabria nell’autunno- inverno 2008/2009.
Auspichiamo  ci possa essere quanto prima  un “risveglio delle coscienze”da parte dei cittadini calabresi,  come si augurava anche il prof. Salvatore Settis  nel corso di  un’ interessante conferenza  tenuta recentemente a Camigliatello della Sila  sul tema della (mancata) tutela del paesaggio, in teoria difeso da numerose leggi, ( tra le quali l’art.9 della Costituzione italiana), nella realtà offeso e svilito da una cementificazione sempre più aggressiva e diffusa. Crotone, 20 Agosto 2009. ItaliaNostra- Crotone –  ItaliaNostra Gruppo Parco della Sila. crotone@italianostra.org

“Invece di accettare una societa’ in cui le scelte sfuggono ormai completamente agli individui e domina il principio della crescita economica ad ogni costo, si puo’ pensare ad uno  sviluppo che si attui sui principi di precauzione e responsabilita’, dando priorita’ alla qualita’ della vita ed all’equita’ sociale e ponendo il mantenimento della salute al di sopra dell’interesse economico” (Lorenzo Tomatis)

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi