Rapporto Iucn: crisi della natura più grave di quella economica

2 luglio 2009 Natura

L’obiettivo della Convenzione sulla diversità biologica (Cbd) e della campagna Countdown 2010 – arrestare la perdita di biodiversità entro l’anno prossimo – non sarà raggiunto. Lo rivela l’ultimo report quadriennale della Iucn (Unione internazionale per la conservazione della natura), intitolato “Wildlife in a Changing World”lago-laudemioattraverso il quale l’organizzazione internazionale lancia un allarme preciso: a minacciare gravemente l’umanità non è tanto la crisi finanziaria mondiale, quanto la massiccia e continua perdita di biodiversità. Il documento analizza 44.838 specie contenute nella precedente lista rossa della Iucn e dimostra che sono ben 16.928 quelle a rischio – più o meno immediato – di estinzione. Quasi 900 specie (869, per l’esattezza) sono già classificabili come “estinte” o “estinte allo stato selvaggio”. Un numero che sale addirittura a 1.159 se si considerano anche le 290 specie “criticamente minacciate”. Una situazione molto grave, che interessa gli ecosistemi acquatici tanto quanto quelli terrestri. In Europa, ad esempio, il 38 % di tutti i pesci sono minacciati, come il 28 % delle specie dell’Africa orientale. Negli oceani, il quadro è ugualmente deprimente. Il report dimostra infatti che un’ampia gamma di specie marine risulta minacciata a causa dell’eccessivo sfruttamento, del cambiamento climatico, dei problemi causati dalle specie aliene invasive e dall’inquinamento. Tanto che almeno il 17% dei 1.045 squali, il 12,4% dei diversi gruppi di specie di razze e sei delle sette specie di tartarughe marine sono a rischio di estinzione. Un pericolo che incombe inoltre sul 27 % delle 845 specie di barriere coralline e sul 27,5% degli uccelli marini. Ma rischiano la scomparsa anche un terzo degli anfibi e circa un quarto dei mammiferi del Pianeta, oltre a molti gruppi di piante, come le conifere e le cycas, minacciate dallo sfruttamento agricolo dei suoli e dal commercio del legname. «Il mancato arresto della perdita di biodiversità non rappresenta soltanto l’insuccesso della campagna di comunicazione del Countdown 2010 – puntualizza Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi – ma, cosa ancor più grave, il mancato rispetto degli impegni assunti dai molti governi, incluso il nostro, che hanno sottoscritto la Convenzione sulla diversità biologica (Cbd)». 
La perdita delle specie minacciate, tra l’altro, non avrebbe soltanto gravissime ripercussioni ecologiche, ma anche immediate ricadute di carattere economico e sociale. Basti pensare a pescherie senza pesce, al commercio del legname senza alberi, al turismo senza barriere coralline o al raccolto senza gli impollinatori. Un danno insostenibile per le nostre economie, che pure faticano ancora a riconoscere l’importanza del “lavoro” che la natura svolge, gratuitamente, per il benessere dell’umanità.«Importanza – sottolinea ancora Sammuri – riconosciuta anche dalla Carta di Siracusa approvata poche settimane fa dal G8 Ambiente, che auspico trovi ampia e rapida applicazione». «Nonostante il mancato raggiungimento degli obiettivi del 2010 – conclude il presidente di Federparchi – rimane indiscussa la validità dei contenuti della campagna, e va registrata una certa azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica su questo tema delicato e cruciale». L’impegno, secondo Sammuri, deve a questo punto essere ulteriormente intensificato: «Ora è quanto mai necessaria una riflessione su quali azioni intraprendere nel 2010 e negli anni successivi per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale e pretendere dai governi uno sforzo decisamente maggiore nella salvaguardia della natura, così come stanno facendo per contrastare la crisi economica e finanziaria. Altrimenti rischiamo di “conteggiare” per nulla». [Fonte: Federparchi]

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi