Petrolio in area marina protetta Punta Campanella

29 maggio 2009 Parchi

Olio esausto nell’area marina protetta di Punta Campanella: e’ la scoperta effettuata dai carabinieri di Sorrento (Napoli) durante un’operazione di pattugliamento nel parco marino del parco marino di Punta Campanella. Il fusto, un contenitore di 20 litri, era aperto e versava in mare il suo contenuto altamente inquinante nei pressi dello scoglio del Vervece, zona A del Parco Marino. Il maresciallo Pierluigi Chiocca a bordo della pilotina dei carabinieri ha recuperato il fusto evitando cosi’ ulteriori danni al mare. Subito e’ scattata la denuncia contro ignoti, mentre il contenitore e’ stato posto sotto sequestro e si trova ora in custodia presso gli uffici del Parco marino. Ora le indagini dovranno accertare l’accaduto anche se non sara’ facile risalire al responsabile. Si pensa al proprietario di un’imbarcazione professionale che invece di smaltire l’olio esausto secondo tutte le procedure previste dalla legge ha pensato di disfarsi del materiale gettandolo direttamente in mare. Non e’ la prima volta che accade un episodio del genere. Gia’ la scorsa estate, infatti, gli operatori del Parco Marino durante il monitoraggio dell’area individuarono e recuperarono un fusto di olio all’interno del Vervece. (ANSA).

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi