La Regione Puglia adotta il piano del parco Alta Murgia

15 gennaio 2015 AmbienteParchiPolitica

alta-murgia-laghettoLa Giunta regionale ha adottato, con deliberazione n. 8 dell’8 gennaio scorso in corso di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, il Piano per il Parco Nazionale dell’Alta Murgia al termine di un iter avviato il 31 maggio 2010 che, attraverso una serie di modifiche ed integrazioni, ha portato alla stesura della versione definitiva del documento, inviata dall’Ente Parco il 3 giugno 2014.
Il Piano per il Parco disciplina gli interventi connessi all’utilizzo del territorio, alla conservazione ed alla valorizzazione in forma coordinata del patrimonio di valori naturalistici, ambientali, nonché storici, culturali e antropologici tradizionali, nonché alla presenza ed all’attività dell’uomo.
Cesare Veronico, Presidente dell’Ente Parco, plaude al risultato conseguito: “Nonostante il nostro sia uno dei Parchi Nazionali italiani di più recente istituzione, solo 7 parchi su 23 avevano già raggiunto questo obiettivo. Il Piano per il Parco ci consente di dare avvio a una nuova fase, determinante per l’Alta Murgia: dalla salvaguardia stringente si passa alla visione strategica dell’area naturale protetta con regole certe e progetti di largo respiro. Grazie al Piano sarà snellita la filiera di autorizzazioni e saranno semplificati gli iter burocratici. Questo strumento – una sorta di piano regolatore generale del Parco – ci permette di proseguire lungo il percorso di valorizzazione che abbiamo avviato e che ha trovato il suo compimento nella Carta Europea per il Turismo Sostenibile. Ringrazio per il lavoro svolto i tecnici dell’Ente Parco ed i membri del precedente Consiglio Direttivo del Parco, presieduto da Gerolamo Pugliese, che nel 2010, entro il termine del loro mandato, hanno dato avvio a questo percorso, deliberando le proposte di Piano per il Parco e di Regolamento del Parco”.

Il Direttore dell’Ente Parco Fabio Modesti sottolinea che tale obiettivo rappresenta: “Un risultato che pochissimi altri Parchi Nazionali possono vantare”. “Il Piano – prosegue Modesti – consente, dopo la fase interlocutoria ed istruttoria con la Regione Puglia, di gestire il Parco secondo linee strategiche certe ed aderenti alle varie zone di tutela. Contiene parametri urbanistici e di qualità delle attività consentite estremamente favorevoli e di alto profilo. Gli imprenditori agro-zootecnici del Parco diventano ancora più protagonisti nella tutela e nella valorizzazione della biodiversità, del territorio e del paesaggio con una profonda comunanza di obiettivi e di strumenti con l’Ente”.
Il Piano per il Parco è sovraordinato nei confronti dei Piani Territoriali di Coordinamento e dei Piani Regolatori Generali dei Comuni che devono obbligatoriamente conformarsi a quanto previsto dallo stesso Piano per il Parco. Il Piano Paesaggistico prevale sul Piano per il Parco esclusivamente per i temi relativi alla tutela del paesaggio (art. 145 del D.Lgs. 22.01.2004 n. 42 recante “Codice dei beni culturali e del paesaggio” e s.m.i.).

Il Piano si compone di una parte conoscitiva, di una parte interpretativa e di una progettuale e programmatica, che prevede la classificazione del territorio in quattro zone a diverso regime di tutela.
La Zona A è destinata alla conservazione dell’ambiente naturale nella sua integrità e include siti di valore naturalistico più elevato e di eccezionale interesse biogeografico; la Zona B è destinata alla protezione degli equilibri ecologici e include parti di territorio i cui assetti ecologici e naturalistici sono stati oggetto di forestazione e di usi silvopastorali, con modalità che contribuiscono al raggiungimento ed al mantenimento di un agro ecosistema di elevato valore naturalistico e paesaggistico; la Zona C è destinata alla promozione delle attività agricole tradizionali, dell’agricoltura integrata, dell’allevamento zootecnico, delle attività agrosilvopastorali, di raccolta dei prodotti naturali e della produzione dell’artigianato tradizionale locale; la Zona D è finalizzata al mantenimento e al rafforzamento del ruolo di connessione ambientale e paesaggistica, alla promozione del turismo, della fruizione pubblica e dell’identità culturale delle comunità locali, nonché allo sviluppo di attività economiche sostenibili.

All’adozione fa seguito il procedimento di osservazioni e di deduzioni per giungere all’approvazione del Piano per il Parco. I tempi e le procedure sono scanditi dall’art. 12 della Legge quadro sulle aree naturali protette 6 dicembre 1991, n. 394.
Il Piano per il Parco, una volta approvato ed entrato in vigore, ha una validità di 10 anni e potrà essere modificato, non prima della scadenza di 3 anni, seguendo la stesso iter di approvazione.

Tutta la documentazione relativa al Piano per il Parco Nazionale dell’Alta Murgia è disponibile e scaricabile all’indirizzo: http://www.parcoaltamurgia.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&id=270&Itemid=100069

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest

parco nazionale alta murgia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi