Zanoni: gravissimo affronto della Regione Veneto alla Corte di Giustizia europea

20 settembre 2011 fauna

caccia3Oggi la Giunta Zaia ha approvato la delibera sulla caccia in deroga in tutta la regione del Veneto consentendo la caccia illegale alle specie Prispolone, Pispola, Frosone, Peppola, Fringuello e Storno protette in tutta Europa. Andrea Zanoni, neo Europarlamentare e presidente della Lega per l´Abolizione Caccia del Veneto, ha così commentato l´approvazione della delibera: “Questo di oggi e’ un gravissimo affronto della Regione Veneto alla Corte di Giustizia europea nonché l’ennesimo contro la Direttiva “Uccelli”. Zaia con questa delibera ha compiuto un atto doppiamente grave perché da un lato vengono calpestate le norme della Direttiva europea sulla tutela degli uccelli migratori che non consentono questo tipo di deroghe, dall’altro viene evidenziato il palese disprezzo nei confronti della Corte di Giustizia Europea che lo scorso 11 novembre ci ha condannati a causa della normativa del Veneto sulla caccia in deroga. A pagare le sanzioni europee per le reiterate violazioni alle norme e sentenze comunitarie dovrebbero essere i diretti responsabili di questi atti illegali e non i contribuenti.

Trovo vergognoso che i nostri amministratori veneti, invece di pensare ai veri bisogni dei cittadini,  continuino accanitamente ad approvare norme riconosciute illegittime da tutti e  sotto dettatura della lobby venatoria più ingorda ed estremista.

Entro breve depositerò alla Commissione Europea un’interrogazione prioritaria per chiedere l’apertura di una procedura d’urgenza straordinaria per ottenere la sospensione della delibera della Regione Veneto.”
Web: www.andreazanoni.it  email: andrea.zanoni@europarla.europa.eu cell.            347/9385856

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest

Attività Venatoria


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi