Rischi geomarini e fondali, 90 studiosi a confronto a Ischia

11 maggio 2009 Parchi

Novanta studiosi – di cui circa la meta’ provenienti da 11 Paesi stranieri come Canada, Cina – Taiwan, India, Germania, Francia, Danimarca, Spagna, Stati Uniti, Inghilterra e Norvegia, si stanno confrontando a Forio d’Ischia (Napoli) sui rischi geomarini nel corso di un convegno promosso dall’istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Dalle prime battute del convegno e’ emersa la necessita’ di un confronto serrato, con lo scambio dei dati, sullo stato dei fondali marini, oggi sempre piu’ attraversati da cavi o da reti di collegamento. ”Il convegno e’ sorto dalla necessita’ di una comparazione di dati tra i vari partecipanti”, ha confermato il professore Francesco Latino Chiocci, ricercatore associato dell’Igag-Cnr e ordinario di geologia marina all’universita’ La Sapienza di Roma, riferendo della necessita’ degli studi propedeutici all’installazione di piattaforme marine per l’estrazione del petrolio. [ANSA].

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi