AIW, centrali eoliche e lupi

3 novembre 2010 faunaNaturaParchi

lupoRiceviamo e pubblichiamo la nota dell’Associazione Italiana Wilderness: “Ecco, sono tornati i lupi, hanno scritto i giornali del savonese negli ultimi giorni. Ma i lupi non sono tornati, sono solo finalmente arrivati; anzi, stanno arrivando sempre più numerosi… Tempo fa a Calizzano e Bardineto, ora nel Parco del Beigua. E non provengono dagli Appennini, ma più probabilmente dalle Alpi, cioè dal ceppo da cui la popolazione si è generata dopo le ripetute liberazioni fatte sul versante francese da parte degli amanti di quest’animale, che pur di averlo non hanno esitato a liberare quelli che detenevano nei recinti d’oltralpe, senza andare troppo per il sottile in merito alla loro purezza genetica e provenienza geografica, come ha stabilito una Commissione d’inchiesta del governo francese qualche anno fa (con una documentata relazione in tre volumi di cui in Italia tutti ignorano l’esistenza, o si finge di ignorarla).

Mentre nel savonese sono stati registrati attacchi di lupi a greggi di pecore, giorni or sono nel vicino cuneese è stato catturato un lupacchiotto che gironzolava per il paese di Ormea, nell’alta Val Tanaro. Un lupachiotto che a fine ottobre è quanto meno improbabile, tenuto conto della biologia di quest’animale, per cui in autunno i giovani nati in primavera dovrebbero già avere conformazione di adulti e non già essere cuccioli; segno forse di una purezza della razza molto discutibile, come avviene per i cinghiali ibridi che si riproducono anche in pieno inverno. Ma saranno gli studiosi a dover redimere questa spinosa questio, sperando che la loro obiettività non sia pari al dimenticatoio in cui hanno relegato la suddetta relazione del governo francese.

Intanto il governo regionale si sta vantando dell’approvazione data a nuove centrali eoliche, che, si noti bene, secondo le dichiarazione del Presidente Burlando, non serviranno tanto a contribuire ad abbattere il CO2 quanto a portare risorse economiche nei paesi montani! Sì, perché la storia della contribuzione all’abbattimento del CO2 sta facendo sempre più acqua da tutte le parti, ed il “re nudo” si sta sempre più rivelando agli occhi dell’opinione pubblica e della magistratura, che, specie nel Meridione, ha messo in luce il gran gioco di danaro che dietro a questi progetti sta facendo arricchire molte società costruttrici (ma anche mafia e camorra). Che poi ci sia una produzione di energia elettrica non è poi tanto importante, anche perché si tratta comunque di gocce nel mare delle esigenze della nostra società. Intanto gli ambienti naturali, le montagne e le foreste della Liguria sono sempre più sventrate dalle strade per costruire queste centrali, ed i paesaggi sempre più violentati dalle gigantesche torri, già obsolete o poco produttive nel volgere di pochi anni come stanno a dimostrare i primi impianti risalenti a solo pochi anni or sono. Ed alla faccia dei valori storici e culturali, come il sito della famosa battaglia napoleonica di Montenotte stravolto da una delle centrali inaugurate da Burlando. Ma l’importante che arrivino soldi ai Comuni, ancorché pochi, ci dice il Presidente della Regione. Sperando che poi almeno non li sprechino, come, purtroppo troppo tanto spesso sanno fare le amministrazioni comunali, diciamo noi.[Murialdo, 1 Novembre 2010 IL SEGRETARIO GENERALE F.to Franco Zunino]

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest

centralin eolichelupo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi