Ola, no alla cancellazione del parco nazionale Appennino Lucano

27 maggio 2010 Parchi

parco nazionale Appennino lucano massiccio del SirinoIl recente provvedimento della finanziaria del Governo Berlusconi si abbaterebbe come una scure anche sul Parco Nazionale Appennino Lucano-Val d’Agri Lagonegrese. È quanto emerge da fonti di stampa locali che evidenziano tale possibilità. La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) denuncia come nel mirino del governo Berlusconi vi sia la ventiquattresima area protetta d’Italia, il Parco della Val d’Agri appunto, istituito con decreto del Presidente della Repubblica dell’8 dicembre 2007, che rischia di essere cancellata con un colpo di spugna a beneficio delle compagnie petrolifere presenti in Val d’Agri.
La OLA invita, pertanto, il Presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, le Associazioni, i comitati e i cittadini a chiedere con forza al Governo di soprassedere a tale intento che significherebbe negare la salvaguardia di un territorio strategico dal punto di vista ambientale, per il fatto di contenere risorse idriche e naturalistiche di vitale importanza per il Sud Italia. La nostra Organizzazione, inoltre, chiede al ministero dell’Ambiente che venga invece accelerato l’iter per l’insediamento degli Organi del Parco nazionale con la nomina del presidente e del Consiglio Direttivo.

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest

Parco Appenino Lucanoparco appennino lucano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi