P.N. Appennino Lucano, firmato protocollo d’intesa per recupero ferrovia Atena-Marsico Nuovo

6 maggio 2010 Parchi

il-tratto-ferroviario-in-una-vecchia-fotoPrende sempre più corpo l’idea di una mobilità eco sostenibile con la quale ripercorrere l’itinerario della vecchia rete ferroviaria delle FAL nella tratta Atena Lucana – Marsico Nuovo. Lo scopo perseguito dal Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese e condiviso dalle comunità locali, è quello di recuperare la predetta linea FAL dismessa ormai dal lontano 1966 creando, così, un corridoio che avvicinerebbe il territorio di questo Parco a quello del vicino Parco del Cilento e Vallo di Diano. L’intesa è stata sottoscritta lo scorso mercoledì 5 maggio, nella sede del Parco a Marsico Nuovo, dal commissario straordinario dell’ente Totaro e dai sindaci di Atena Lucana Sergio Annunziata, di Brienza Pasquale Scelzo, di Sasso di Castalda Rocco Perrone, e di Marsico Nuovo Domenico Vita. Punto focale del protocollo d’intesa è il recupero, oltre che dell’intero tracciato coincidente con la dismessa tratta ferroviaria, delle  due importanti stazioni di Atena Lucana e Marsico Nuovo, quali porte di accesso al Parco, nonché dei caselli ferroviari presenti lungo il percorso da adibire a punti di ristoro, informativi e di esposizione di prodotti tipici, o da destinare a musei per  esposizioni fotografiche o di produzioni culturali. Si tratta di un’idea di recupero in senso ampio grazie al quale dovrà essere possibile non solo riutilizzare la linea ferroviaria dismessa, organizzando treni storici e turistici, ma anche trasformare, qualora non sia possibile il riutilizzo dei binari o laddove non esistano più, il vecchio tracciato in piste ciclabili, sentieri attrezzati o ippovie, salvaguardando l’architettura dei fabbricati ferroviari presenti lungo la linea, e permettendo, al contempo, un nuovo e più suggestivo modo di visitare e vivere il Parco. Come ha avuto modo di spiegare il commissario straordinario del Parco l’intervento va nella direzione della valorizzazione a fini turistici dei percorsi in treno, che permette una fruizione alternativa ed innovativa del paesaggio ambientale e del patrimonio storico-artistico, architettonico e paesaggistico dei luoghi del Parco. A definire i termini specifici dell’idea e stilare il piano di fattibilità, anche in relazione al fabbisogno economico, è stato delegato l’Ente Parco, che provvederà a candidarlo ai ministeri competenti. [P.N. Appennino Lucano – l’addetto stampa Francesco Addolorato]

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest

P.N. Appennino Lucano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi