GASDOTTO ALGERIA ITALIA, RIPENSARE AL TRACCIATO IN SARDEGNA

3 settembre 2009 Parchi

cormoranoMentre è tuttora in corso il procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A. per la realizzazione del gasdotto Algeria – Sardegna – Toscana grazie all’importante accordo internazionale con l’Algeria del novembre 2007 per far giungere il gas naturale in Sardegna attraverso il gasdotto Galsi, il cui percorso terminerà nell’Italia centrale.  All’utilità della fonte energetica alternativa dovrà esser connessa la minimizzazione degli impatti sull’ambiente mediante la procedura di valutazione di impatto ambientale.    E se ne sente proprio il bisogno, vista l’area marina del basso Sulcis, importante per la pesca locale oltre che per i valori ambientali, e visto l’interessamento della costa di Golfo Aranci, dove i picchetti dei tecnici fanno capire quali disastri paesaggistici possono causare tracciati poco meditati.  Le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico hanno, quindi, richiesto (esposto del 28 agosto 2009) al Ministro dell’ambiente, all’Assessore regionale della difesa dell’ambiente ed alla Commissione europea di voler considerare le osservazioni riportate nella relazione di seguito riportata per le opportune considerazioni ed adozione di opportune modifiche progettuali finalizzate al mantenimento di habitat e specie faunistiche d’interesse prioritario. [Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra]

Per approfondimenti e firmare la petizione on line: http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/Gasdotto_Galsi__ripensare_il_tracciato__2005089.shtml

Condividi questo articolo su:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on LinkedInDigg thisPin on Pinterest


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2015-2016 Notizie dai Parchi